Mercoledì 13 Novembre 2019

Red Basket: al Geirino l'unica macchina ''sparapalloni'' del Piemonte

E' la novità del Geirino, voluta su iniziativa del presidente e coach del team ovadese, Andreas Brignoli, sperimentata nel corso dello “shooting camp”

Red Basket Ovada

OVADA - L'ambizione va ben oltre i cordoni della borsa. E così al Geirino, grazie all'investimento effettuato dalla società Red Basket di Ovada, è arrivata la prima macchina "sparapalloni" installata fra Piemonte e Liguria. Una novità, voluta su iniziativa del presidente e coach del team ovadese, Andreas Brignoli, che è stata sperimentata allo “shooting camp” l'evento organizzato dall'ex giocatore di Varese e Pesaro, insieme ai trenta ragazzi che hanno partecipato. Oltre al numero uno dell'associazione sportiva locale, che ha sottolineato come questa macchina sia in grado di avvicinare molto il giocatore a quello che è il vero e proprio clima partita, si sono entusiasmati pure il tecnico di Oleggio Paolo Remonti ("Avrei voluto utilizzate questo strumento quando ero giocatore - il suo commento -. E' il compagno perfetto per le ore in palestra), e Fabio Priulla head coach del Green Basket Palermo.

Al momento sono presenti in Italia meno di dieci di questi macchinari, e ben due vengono utilizzati dai due volte campioni d'Italia - nelle ultime tre stagioni - della Reyer Venezia. "Nel basket attuale - sottolinea Andreas Brignoli - il tiro, e quello da tre, sono diventati sempre più importanti, anche se non dobbiamo trascurare di insegnare soprattutto ai ragazzi dei nostri vivai gli altri fondamentali". E la macchina “sparapalloni” è di supporto ai tiratori perché permette di fare più tiri nello stesso tempo impiegato in precedenza, scegliendo se mettere dei liberi dei tiri da 2 o da 3, perfezionando la parabola di tiro.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Tempo reale

"Vincenti ha confessato". Parole poi confermate al Gip

09 Novembre 2019 ore 09:29
Tempo reale

Tragedia di Quargnento:
la svolta, nella notte il fermo

08 Novembre 2019 ore 22:29
Tempo reale

L’Italia dice addio
e ringrazia Marco, Nino e Matteo

08 Novembre 2019 ore 08:00
.