Domenica 09 Agosto 2020

Ovada

Acqui-Genova: il consiglio regionale chiede il ripristino completo dell'offerta di viaggio

Approvato all'unanimità l'ordine del giorno discusso ieri pomeriggio

Acqui-Genova: il consiglio regionale chiede il ripristino completo dell'offerta di viaggio

OVADA - È stato approvato all'unanimità l'ordine del giorno - incentrato principalmente sui trasporti, sulla viabilità e sui collegamenti quotidiani fra il Basso Piemonte e la Liguria - presentato e discusso durante la seduta di ieri pomeriggio del consiglio regionale ligure. Un "punto" che impegna la Giunta guidata dal governatore Giovanni Toti a richiedere - fra le altre cose - al Governo e al Parlamento di garantire la proroga delle risorse del Decreto Genova al 31 dicembre 2020 per i servizi integrativi del Tpl per garantire a continuità della quattordicesima coppia di treni lungo la linea ferroviario Genova-Acqui Terme.

Dopo aver registrato il parere del Comitato dei Pendolari delle Valli Stura Orba e Leira e dei Sindaci della Valle Stura, il Consiglio ha chiesto di promuovere un tavolo di confronto con Rete Ferroviaria Italiana per ripristinare i binari di incrocio di Visone e Molare per aumentare le tracce sulla linea, di avviare un tavolo con il MIT e Trenitalia per aumentare il volume dell’offerta ferroviaria e di condividere con la Regione Piemonte e RFI la progettazione e il finanziamento per rimuovere la frana di Mele. Inoltre, sempre per quanto riguarda il diritto alla mobilità, è previsto che la Giunta regionale ligure debba richiedere ad Aspi di sottoporre a verifica puntuale i piloni dell'autostrada A26 in prossimità di Mele per assicurare la sicurezza dei viadotti e l’incolumità di attività e persone che vivono al di sotto di essi dando corso alle ripetute segnalazioni del Comune di Mele.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Polstrada

La lunga coda sull'A26? Un camionista addormentato!

05 Agosto 2020 ore 09:01
.