Lunedì 09 Dicembre 2019

Trisobbio

La vita lenta attrae i turisti del nord

Anche il 2019 conferma un fenomeno già osservato negli anni passati 

Trisobbio vista

Una veduta frontale del borgo di Trisobbio

Sono attirati da una vita più lenta rispetto ai ritmi della grande metropoli e dalla bellezza delle colline. Possono rappresentare volano di sviluppo per i prossimi anni, una risorsa che l'Ovadese non può lasciarsi scappare. Sono i tanti stranieri negli ultimi anni approdati dalle nostre parti acquistando immobili. Olandesi principalmente. A confermare una sensazione tangibile in città adesso sono anche i rappresentanti delle agenzie del settore. «Alcuni – spiega Laura Tardito, referente di zona per Fiaip – si sono trasferirti tra Cremolino e Trisobbio. Altre aree abbastanza gettonate sono Carpeneto e Rocca Grimalda. Sono le colline che offrono gli scorci più gradevoli. Parliamo di olandesi ma anche di belgi e svizzeri».

Per parlare di boom è ancora presto, si tratta di un mercato di nicchia e i movimenti sono ancora timidi e non ancora generalizzati, ma è un dato di fatto che l’Ovadese comincia ad attirare l’attenzione degli stranieri. Anche perché è l'onda lunga di un fenomeno che ha toccato prima l'Acquese; un passa parola tecnologico alimentato dall'estrema facilità nel condividere informazioni. «I pezzi più ricercati, anche se non restano molti, sono cascinali e casette di piccole dimensioni, a prezzi contenuti, possibilmente in campagna e un po’ isolati – prosegue Tardito - Un tempo, la seconda casa era un investimento economico oggi lo è per la qualità della propria vita. Quanto alle cifre, non si va sopra i 200 mila euro». Ma cosa apprezzano gli stranieri del nostro territorio? La semplicità soprattutto: un ambiente tipico italiano ma ancora autentico e non artefatto, i torrenti dove fare il bagno, il mercato bisettimanale e i prodotti a chilometro zero. Cosa date per scontate da chi risiede da tempo ma che hanno valore per chi arriva come turista e magari decide di acquistare. Genovesi (che ritornano) e milanesi sono anche loro a caccia di una casa per le vacanze o di un immobile dove trasferirsi per cambiare vita, restando ragionevolmente vicini alle grandi città e al mare della Liguria. Anche loro individuano in duecento mila euro il tetto di spesa, una soglia psicologica che evidentemente accomuna tanti.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Alessandria

Scomparsi da 5 giorni,
il ritorno a casa

02 Dicembre 2019 ore 23:17
Lo speciale

Il docufilm sulla tragedia
di Quargnento

05 Dicembre 2019 ore 02:00
La fotografia

Parcheggio
maldestro 

03 Dicembre 2019 ore 11:36
.