Lunedì 30 Marzo 2020

Ovada

Rifiuti, la ''strana'' alleanza: Ovada e Acqui difendono il porta a porta

Riunione Ovada spazzatura

OVADA - Non rappresentano lo stesso partito, ma negli ultimi tempi si sono ritrovati più volte a dover fronteggiare problemi simili. Dal confronto con Trenitalia, insieme al Comitato dei pendolari, per le questioni legate alla Acqui-Genova al più recente dibattito sul sistema della raccolta differenziata attraverso il metodo "porta a porta", che nelle ultime settimana - in seguito all'assemblea del Consorzio Servizi Rifiuti - ha avuto sviluppi imprevedibili. A difendere il sistema sono stati proprio i sindaci dei due principali comuni del bacino Econet: Ovada con Paolo Lantero e Acqui Terme con Lorenzo Lucchini. «Siamo certi – spiegano – che ci sia margine per un confronto». La strana (ma non troppo) alleanza si fonda su una base concreta: il metodo “porta a porta” è costato sacrifici, soprattutto ai cittadini chiamati a una responsabilità diversa ma ha dato da subito risultati anche superiori alle attese. Nel primo trimestre la differenziata si è attestata al 74.97%, più del doppio di quanto raggiunto storicamente con il vecchio sistema dei cassonetti stradali. E ancora: crollo dell'indifferenziato che finisce in discarica: da 274,02 kg pro capite a 70,32. «La posizione di Tortona mi preoccupa – spiega Paolo Lantero che ha fatto valere le sue ragioni nella più recente assemblea del Consorzio - ritengo miope pensare che due centri di neppure 30 mila abitanti (Tortona e Novi Ligure ndr) in un gruppo di oltre 200 mila possano pensare di agire in modo indipendente».

Il lavoro portato avanti da Econet ha riguardato anche i piccoli comuni con le inevitabili difficoltà generate da un territorio difficile e dispersivo. La prossima sfida infatti sarà introdurre la novità anche in punti molto lontani. E, per quanto riguarda l'Ovadese, aggiungere Molare e Cassinelle che hanno scelto di non partire subito, determinando nel primo caso alcune disfunzioni e criticità evidenti come un conferimento anomalo dei cassonetti stradali. «Nel momento in cui un consorzio decide di portare avanti una linea – è la posizione di Lorenzo Lucchini da Acqui Terme - noi, per rispetto istituzionale, possiamo chiedere correttivi ma non pensare di buttare via anni di lavoro con tanta leggerezza, soprattutto di fronte a risultati eccezionali». C'è preoccupazione anche per le possibili ripercussioni sul bacino determinate da un eventuale dietro front. A Ovada nel frattempo la posizione assunta da Tortona ha spinto chi da sempre critica la scelta dell'Amministrazione a riavviare la sua polemica. «Se Novi, Tortona e tutta la zona in cui il “porta a porta” modello Contarina non è ancora iniziato non aderiranno – ha scritto in un post il consigliere di “Ovada Viva” Angelo Priolo – chiederemo, con una consultazione popolare, di tornare quantomeno ad un “sistema misto” anche ad Ovada».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

L'editoriale

L'estate sta finendo.
Le vacanze sono finite

27 Marzo 2020 ore 08:00
La tragedia

I feretri delle vittime di Bergamo
a Serravalle

21 Marzo 2020 ore 14:26
.