Martedì 18 Gennaio 2022

Ovada

Peste suina, l'Ovadese fa i conti con nuove limitazioni

Operatori della ristorazione e del turismo furenti per un provvedimento di di fatto azzera le attività

Peste suina, l'Ovadese fa i conti con nuove limitazioni

Un'immagine della lavagnina, tra i luoghi più frequentati dagli escursionisti

OVADA - La Val d'Orba e la Cirimilla. L'area dell'Oltregiogo che guarda verso il Novese e oltre il confine la Valle Stura. Dopo il grande choc anche l'Ovadese fa i conti con l'ordinanza che ha vietato per i prossimi mesi tutte le attività in area boschiva: escursioni a piedi e in bicicletta, la ricerca dei funghi e dei tartufi, la pesca. In subbuglio c'è un tessuto economico vasto, distribuito tra una ventina di comuni che sulla biodiversità ha fondato le basi per il lavoro: piccoli ristoranti e agriturismi, ricettività diffusa e accompagnatori turistici. “L'ordinanza – si legge in una nota pubblicata nella giornata di ieri dalla direzione del Parco Naturale del Biegua, situato al confine con l'Ovadese – rischia di trasformarsi nel terzo anno consecutivo di lockdown. Un vero collasso per tutte le attività legate all'outdor”. 

Peste suina, val Borbera furiosa: «Attività uccise da lockdown assurdo»

Ristoratori e albergatori contro l'ordinanza ministeriale: «È come se chiudessimo per altri 6 mesi. È una condanna a morte»

In Piemonte sono interessati al divieto i sedici comuni dell'Ovadese. “La limitazione di attività nei boschi è per noi un duro colpo, sia dal punto di vista turistico che venatorio – afferma il sindaco di Ovada, Paolo Lantero - cerchiamo di affrontare anche questa emergenza con responsabilità e pazienza ma cercheremo anche di interloquire con gli Enti a noi superiori per le necessarie azioni di aiuto alle attività colpite da queste scelte”. Tutto è partito, la scorsa settimana, proprio da una carcassa di ungulato ritrovata sul territorio del comune di Ovada.

Peste suina,
i paesi coinvolti

In provincia di Alessandria si allarga la "zona infetta". I nuovi casi


“Bisogna – spiegano gli esperti al lavoro in queste ore - limitare sia gli spostamenti degli animali selvatici all’interno dei boschi sia delle persone e dei mezzi tra i vari territori. Il virus della peste suina africana è estremamente strutturato e resistente, può sopravvivere nell’ambiente anche sotto zero o al di sotto dei 65 gradi di calore, può propagarsi attraverso le suole delle scarpe, le ruote di auto e biciclette, attraverso altri animali come i cani”.

“Speriamo – è intervenuto Roberto Gallo, sindaco di Cassinelle – in una revoca quanto prima con il rientro dell'emergenza”. Tutelate sono l'attività di taglio della legna, molto diffusa nell'area, e quelle autorizzate ad hoc.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il video

Alessandria, rissa in via Pontida

16 Gennaio 2022 ore 15:02
Il lutto

Vittima del Covid a 61 anni

08 Gennaio 2022 ore 10:20
.