Martedì 18 Gennaio 2022

Ovada

Scritte e campagne "No vax": mozione in consiglio comunale

A presentarla il gruppo che sostiene l'attuale maggioranza 

Manifesti contro i vaccini: "Offesa contro medici, istituzioni e volontari"

I primi manifesti dello scorso settembre

OVADA - Maggiore vigilanza, con contatti più frequenti con la Prefettura e le Forze dell'Ordine con l'intento di individuare eventuali gruppi eversivi o anarchici sul territorio comunale. Contrastare manifestazioni contrarie alle regole del vivere e del confronto civile. Sono le richieste che “Insieme per Ovada”, invia al sindaco, Paolo Lantero e a tutta la Giunta. Lo strumento è la mozione che sarà discussa domani sera in consiglio comunale. Lo spunto arriva dalle scritte “No vax” comparse qualche settimana fa sul monumento ai caduti tra via Cavour e via Gramsci, accanto all'ingresso posteriore della scuola elementare Damilano, accanto alla redazione de “L'Ovadese” e del nostro quotidiano on line.

Messaggi deliranti

Manifesti affissi per promuovere campagne portate avanti da associazioni contro i vaccini, scritte in vari punti della città, “shitstorming” online. Sono gli episodi degli ultimi mesi. Dietro almeno a una parte di questi fatti un gruppo di cittadini ovadesi che fanno parte di un gruppo Telegram che si propone come una “voce di lotta non violenta per la libertà e i diritti umani” con oltre 17 mila iscritti. Nei giorni successivi ai fatti il Comune di Ovada si era preoccupato di ripulire le scritte sugli spazi pubblici. Eloquente la reazione: “Hanno ripulito (il Monumento ai caduti, ndr)? - si leggeva nella chat del gruppo - Perfetto. Lo hanno fatto fare agli alunni. Meglio, così hanno letto anche loro. Ora (Ovada) è di nuovo una zona in cui poter fare azione! Quando? Non si sa. Ma prima o poi avverrà! Perché i V_V non si fermano”. Ogni gesto viene firmato con una “W” rossa che sta ad indicare i “Vivi”, ossia i “No vax” che lottano per la libertà, mentre i vaccinati “forse sono morti – si legge in uno dei ritornelli maggiormente proposti - di sicuro non sono più degli esseri umani”.

Manifestazione No-Vax a Novi: denunciato il promotore

Il sit-in di protesta in occasione dell'incontro con il professor Bassetti

Condanna immediata

Anche la pagina Facebook del nostro quotidiano on line nei giorni successivi era stata presa di mira. Una situazione simile a quella capitata nel mese di settembre dopo la condanna dei primi manifesti comparsi sulle plance della città. Bersagli in quel caso furono il sindaco Paolo Lantero e il consigliere Angelo Priolo (Ovada viva) che avevano preso le distanze rispettivamente sui suoi canali social ufficiali e sul gruppo “L'Ovada che vorrei”. Oltre a un riferimento all’articolo 32 della Costituzione, gli autori del gesto di un mese fa hanno rivolto attacchi scritti al governo e al green pass, con un invito generico a non vaccinare i bambini.

Scritte "No-Vax" sul Distretto Asl: "Atto da non sottovalutare"

"Abbiamo informato l'ufficio legale per le iniziative del caso"

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il video

Alessandria, rissa in via Pontida

16 Gennaio 2022 ore 15:02
Il lutto

Vittima del Covid a 61 anni

08 Gennaio 2022 ore 10:20
.