Giovedì 02 Aprile 2020

Agricoltura

L'allarme di Coldiretti: "Caldo e niente pioggia, difficoltà per coltivazioni"

Siccità e alte temperature al centro del monitoraggio

Caldo e siccità: raccolti a rischio. Allarme Coldiretti

ALESSANDRIA - Le temperature ben al di sopra della media stagionale, il vento forte e la carenza di piogge sono al centro del monitoraggio effettuato dalla Coldiretti per la provincia di Alessandria. Una situazione che porta il 2020 in cima alla classifica degli anni più caldi di sempre sul pianeta facendo registrare una temperatura sulla superficie della terra e degli oceani, addirittura superiore di 1,14 gradi rispetto alla media del ventesimo secolo (dati di gennaio del National Climatic Data Centre - Noaa, che rileva i parametri dal 1880).

“Nonostante il momento di forte criticità causato dalla diffusione del Coronavirus non possiamo ignorare le ripercussioni causate dal caldo anomalo e dalla mancanza di pioggia. E’ allarme, infatti, per i terreni secchi seminati a cereali che rischiano di non far germogliare ed irrobustire a dovere le piantine che, in caso di repentino abbassamento delle temperature potrebbero gelare o essere spazzate via in caso di piogge violente – afferma il Presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco –. Problemi per cereali e ortaggi: il clima pazzo non aiuta la programmazione colturale esponendo le piante a rischi che porterebbero alla conseguente perdita delle produzioni e del lavoro di un intero anno”.

A causa dell’andamento climatico avverso la produzione agricola si è ridotta dell’1,3% ma il calo sale al 2,4% per i prodotti vegetali con punte del -12% per il vino, particolarmente sensibile alle condizioni meteo.

“Percentuali che in provincia di Alessandria si sono tradotte con il 40% di semine non effettuate e raccolti tagliati a causa del maltempo prolungato dei mesi scorsi che ha compromesso le tradizionali semine autunnali come quelle del frumento tenero, loietto, triticale, grano duro e colza – aggiunge il Direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo -. E, al danno delle mancate semine autunno vernine, si aggiunge quello di un esponenziale incremento delle varietà primaverili-estive, come mais, sorgo e girasole. Risultato: mercato saturo e dal punto di vista dell’azienda possibili problemi a livello organizzativo per mancata possibilità di rotazione colturale”.

Fioritura anticipata in tutte le zone del territorio provinciale per albicocco, susino e, prossimamente, pesco: conseguenza degli sbalzi di temperatura che nella notte scende a 0 ma di giorno arriva anche a 18 gradi. Infine, le ripetute giornate di sole hanno risvegliato in anticipo di almeno un mese anche i 24.981 alveari presenti sul territorio alessandrino: il rischio è che ritorni di freddo possano far gelare i fiori e far morire parte delle api dopo una delle peggiori annate per la produzione di miele in provincia.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

L'editoriale

L'estate sta finendo.
Le vacanze sono finite

27 Marzo 2020 ore 08:00
Coronavirus

Un altro decesso
in provincia, ben 37
in Piemonte

24 Marzo 2020 ore 13:53
.