Lunedì 03 Ottobre 2022

Il ricordo

Gianni Mialich riposerà a Silvano

Due stagioni ad alto livello, le amichevoli di lusso con Fiorentina e Genoa

09 Settembre 2022 ore 06:40

Gianni Mialich riposerà a Silvano

Un'immagine recente di Mialich al Riva di Albenga

OVADA -  Sarà sepolto oggi nel cimitero di Silvano d'Orba Gianni Mialich, popolare allenatore di calcio, dopo un passato da giocatore professionista, deceduto due giorni fa a Laigueglia dove viveva e aveva assunto anche la carica di assessore allo Sport. Mialich aveva 88 anni. Da atleta aveva vestito le maglie di Maestrina, Sampdoria, Palermo, Bologna, Napoli, Spal, Torino, Derthona e Martina Franca. La sua attività di allenatore si era sviluppata tra Portogruaro, Mantova, Treviso, Tempio Pausania, Asti, Savona, Albenga ed anche Ovada. Forse la parentesi nella squadra ingauna, alla fine degli anni '80, ha rappresentato il momento più fulgido con una promozione sfiorata in C e un secondo posto in Serie D.

Belli gli anni ovadesi in una società presieduta da Felice Priarone, con Andrea Sciutto direttore sportivo. Nella prima stagione in Promozione nel 1991 arrivò il salto in Eccellenza, nella seconda i risultati furono buoni. “Un investimento per lo sport in città – raccontavano Priarone e Sciutto – che valorizzare anche il settore giovanile”. La sua scomparsa ha generato una grande ondata di emozioni nei tanti atleti che lo hanno incrociato durante le loro esperienze. Fra questi Carmelo Barca, amico personale che nel 2019 portò ad Alassio una sua squadra per un torneo giovanile organizzato dallo stesso Mialich.

La capacità di riconoscere il talento per il calcio l'ha sempre contraddistinto. In occasione dell'ultima visita al Geirino per una partita dell'allora Ovadese Silvanese Mialich adocchiò un giocatore in campo per una fase di riscaldamento. Era Gianni di Pietro, cannoniere con oltre 20 gol di quella formazione che vinse il campionato salendo in Promozione. Mialich coltivò contatti importanti con le squadre professionistiche. Si deve a lui il passaggio di Alessandro Coco al Parma. Fu l'artefice delle amichevoli della Fiorentina di Radice e il Genoa di Bagnoli al Geirino. Tanti i ricordi commossi dei suoi giocatori a Ovada: Benzo, Allia, Ricci, Bardelli, Barletto, Ciferri, Boveri, Pascale, Rizzin Bonaldi, Barletto.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.