Sabato 25 Giugno 2022

Elezioni

Fornaro alla terza, gli altri al debutto

Da lunedì si sceglie il presidente della Repubblica coi nostri 7 "grandi elettori"

palazzo-quirinale

Il palazzo del Quirinale, sede della presidenza della Repubblica

ALESSANDRIA - Terza esperienza per Federico Fornaro, tutti gli altri sono al debutto. 

Lunedì si sceglie il nuovo presidente della Repubblica e anche sette alessandrini sono convocati a Montecitorio per decidere il successore di Sergio Mattarella. In tutti c'è la consapevolezza dell'importanza del momento, perché, comunque, si tratta della più importante carica dello Stato che, come ha spiegato di recente Felice Borgoglio (che partecipò alle elezioni di Cossiga e Scalfaro), "non è solo un notaio, ma una personalità che, oltre a guidare il Csm e le Forze armate, promulga le leggi. E, a seconda del nome che si sceglie, i partiti esprimono una linea politica ben chiara e decidono la strada da seguire".

I presidenti della Repubblica

Chi sono

Alessandria manda al voto due esponenti di rilievo,  protagonisti anche in questa fase di trattative. Federico Fornaro lo fa da capogruppo di LeU alla Camera, dove il medesimo ruolo, sul fronte Lega, è ricoperto da Riccardo Molinari. Col "Mol", altri due leghisti, gli onorevoli Rossana Boldi e Lino Pettazzi.

Federico Fornaro

La Boldi, malgrado sia alla terza legislatura (le altre due le ha vissute da senatrice), è alla prima "esperienza presidenziale". Per due volte, infatti, lasciò il Senato  poco prima delle due elezioni di Giorgio Napolitano.

Debutto assoluto "sotto il catafalco" anche  per la senatrice Susy Matrisciano del Movimento 5 Stelle, e di Massimo Berutti, senatore di Coraggio Italia (gruppo di centrodestra ispirato dal governatore della Liguria, Giovanni toti, e dal sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro).

A completare il gruppo dei nostri, Domenico Ravetti, consigliere regionale del Partito democratico, uno dei tre delegati che il Piemonte manda a Roma (gli altri due sono il governatore Alberto Cirio e il presidente del Consiglio regionale, Stefano Allasia). Ravetti è stato scelto dai gruppi di minoranza. "E confesso che, quando mi è stata fatta la proposta, mi sono inorgoglito".

Domenico Ravetti

Lunedì la prima chiama: per eleggere il presidente serviranno i voti dei due terzi degli aventi diritto. Così anche per le due (eventuali) chiame successive (martedì e mercoledì). Dalla quarta (giovedì) in poi, basterà il voto del 50% più uno. 

Il Palazzo

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Castelnuovo Scrivia

Ragazzo non rientra a casa dopo la piscina: ritrovato poco fa

18 Giugno 2022 ore 22:52
.