Martedì 18 Gennaio 2022

Ovada

Piazza Garibaldi, slitta la conclusione dei lavori

Proroga concessa dopo l'incontro tra tecnici del comune e dell'impresa

Piazza Garibaldi, slitta la conclusione dei lavori

Il parcheggio di piazza Garibaldi

OVADA - Una proroga di venti giorni. Slitta dal 17 febbraio al 17 marzo (salvo impedimenti legittimi dovuti in particolare alle condizioni del meteo) la data di consegna della nuova piazza Garibaldi. La decisione è stata adottata al termine del vertice, convocato con una certa urgenza, dall’Ufficio Tecnico di Palazzo Delfino con rappresentanti di Toro Holding, il soggetto giuridico che controlla la Ma. Mi. di Lainate, la ditta incaricata del lavori. All’ordine del giorno il ritardo evidente del cantiere, i ritmi blandi con i quali si è lavorato dal momento dell’apertura. Una situazione giudicata insostenibile dai tecnici comunali in ragione dell’importanza che il restyling da 400 mila euro per riqualificare il centro storico della città. Motivazioni tecniche, hanno ribattuto, i tecnici dell’impresa.

Ritardo complessivo

Da quanto si apprende da fonti vicine al Comune, è stato richiesto un cronoprogramma dettagliato delle operazioni che saranno effettuate da oggi in poi. L’impresa si è giustificata parlando delle difficili condizione di lavoro dovute al freddo e al gelo e al frequente ritrovamento di ossa sotto al sedime che hanno rallentato le operazioni. Questo secondo aspetto era già emerso qualche anno fa ed è legato, con ogni probabilità alla presenza nei tempi passati di un campo di sepoltura. Problemi che avrebbero ritardato le operazioni, costretto gli addetti a procedere con i piedi di piombo. D’altronde, fin dall’apertura del cantiere, le operazioni sono avanzate con una certa lentezza.

Tempi dilatati

Il cantiere di piazza Garibaldi è stato l’argomento di discussione di tutto il 2021. Prima il tentativo del comune di rinviare per non incidere troppo sulla vita degli operatori dell’area. Poi la mancanza di materiali e la decisione di rinunciare alla sienite prevista in più punti. L’intervento è così slittato all’autunno, periodo non certo più propizio per questo tipo di cantieri. A protestare sono proprio gli operatori dell’area “imprigionati” dal perimetro del cantiere. E dire che il restyling era il più atteso. Da anni la piazza attende di essere recuperata. L’intervento è stato reso possibile anche dal finanziamento della Regione Piemonte nell’ambito del bando per il recupero delle aree mercatali.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il video

Alessandria, rissa in via Pontida

16 Gennaio 2022 ore 15:02
Il lutto

Vittima del Covid a 61 anni

08 Gennaio 2022 ore 10:20
.