Mercoledì 19 Gennaio 2022

Nuove norme

Peste suina: né escursioni, né funghi

Non solo la caccia sospesa, scattano altri divieti nell'Alessandrino

Peste suina: né escursioni, né funghi

Niente trekking in 114 comuni liguri e piemontesi

ALESSANDRIA - Non solo divieto di caccia, ma anche stop ad attività come le escursioni (a piedi o in mountain bike) o la cerca di funghi e tartufi.

Sono i nuovi provvedimenti, emanati ieri sera, per contrastare il diffondersi della peste suina africana, un flagello che sta colpendo 114 comuni, di cui 36 in Liguria e 78 in Piemonte, tutti in provincia di Alessandria.

Peste suina,
i paesi coinvolti

In provincia di Alessandria si allarga la "zona infetta". I nuovi casi

Sono le misure previste da un'ordinanza dei ministri della Salute, Roberto Speranza,  e delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli. Ammessa solo la caccia di selezione al cinghiale per ridurre la popolazione in eccesso e rafforzare la rete di monitoraggio sulla presenza del virus.  "L'ordinanza - si sottolinea - consente alle attività produttive di continuare a lavorare in sicurezza, fornendo rassicurazioni in merito al nostro export".

I dettagli

La motivazione sostanziale per il blocco dell'attività è ridurre il più possibile gli spostamenti della fauna selvatica. Caccia ed escursioni sono giudicate "invasive".  

"Sono escluse - si legge nell'ordinanza - le attività connesse alla salute, alla cura degli animali detenuti e selvatici nonché alla salute e cura delle piante, comprese le attività selvicolturali. I servizi regionali competenti, prosegue ancora il documento, su richiesta degli interessati, possono autorizzare, su motivata e documentata richiesta, lo svolgimento delle attività vietate, sulla base della valutazione del rischio da parte del Cerep".

 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il video

Alessandria, rissa in via Pontida

16 Gennaio 2022 ore 15:02
Il lutto

Schianto di Astuti: Elisa aveva 49 anni

18 Gennaio 2022 ore 14:10
.