Mercoledì 23 Settembre 2020

Ovada

Dalla raccolta fondi per Giorgia un supporto per Villa Gabrieli

Dalla famiglia di Giorgia Sansone una ricca donazione per il Giardino Terapeutico

Giorgia, la sua raccolta fondi diventa un supporto per Villa Gabrieli

L'arrivo al parco di Loretta Pavan (foto Lucia Bianchi)

OVADA - La sua difficile battaglia contro la malattia raccontata in “Ho perso la tetta per te”, il volume scritto a quattro mani con l’amica Carla Balossino. L’obiettivo principale di Giorgia Sansone, scomparsa nei primi mesi del mese d’agosto, era quello di raggiungere Sheba Medical Center di Tel Aviv, uno dei centri all'avanguardia nella cura del cancro al seno. Un’ulteriore possibilità che Giorgia, originaria di Castelletto Monferrato, non ha fatto in tempo a cogliere, vinta dalla malattia.

Le risorse raccolte daranno però forza al progetto di “Giardino terapeutico” che associazione Vela ha proposto qualche anno fa e sul quale si basano il potenziamento delle attività del Day Hospital oncologico dell’ospedale di Ovada e la prospettiva di recupero del parco di Villa Gabrieli. Il tutto si è concretizzato attraverso donazione di 50mila euro immediatamente disponibili nei confronti di Vela. In un secondo momento sarà chiarita la destinazione d’uso dei rimanenti 15 mila. «Un grande grazie alle persone che hanno contribuito alla sua causa - spiega oggi Carla Balossino -. In tanti si sono dati da fare sostenendo la campagna. Un sentito grazie va anche alle dottoresse Maria Grazia Pacquola dell’Ospedale di Tortona, Paola Varese primario del reparto di oncologia di Ovada e tutto lo staff delle due strutture per il prezioso e difficile lavoro che hanno fatto non solo con Giorgia ma con tutte le persone che hanno assistito e che continuano a curare».

Giorgia aveva scoperto due anni fa un cancro al seno triplo negativo metastatico. La scoperta di dover affrontare un lungo percorso non l’aveva abbattuta. Accanto a lei il marito, un matrimonio durato 17 anni, il figlio Riccardo e i suoi adorati cani. La scorsa primavera l’ulteriore tegola materializzatasi nella necessità di affrontare il Covid. Malattia superata. Ma l’emergenza ha comunque provocato un rallentamento nella raccolta fondi. All’orizzonte la prospettiva di intitolazione del parco di Villa Gabrieli nel quale a breve saranno avviate nuove attività immerse nel verde e nella tranquillità dell’area.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

Cassano Spinola

Trova una bomba in cantina
e la porta ai carabinieri

13 Settembre 2020 ore 13:07
.