Domenica 20 Settembre 2020

Agricoltura

Caldo, frutta e verdura “bruciano”. E i prezzi salgono

Allarme speculazione nei campi: le quotazioni non coprono neppure i costi di produzione

Caldo, frutta e verdura “bruciano”. E i prezzi salgono

PROVINCIA - “Preoccupazione per l’impennata delle speculazioni sui prezzi e per gli effetti del clima impazzito: è questa la fotografia che emerge a ridosso di un Ferragosto scandito dalle misure anti Covid – ha affermato il presidente di Coldiretti Alessandria Mauro Bianco -. Anche in provincia, con il caldo torrido che sfiora i 40 gradi è allarme colpi di calore e ustioni anche per frutta e verdura pronte alla raccolta che rischiano così di essere buttate vanificando un anno di lavoro a partire da insalate, peperoni, melanzane, meloni e angurie che mostrano già evidenti segni di scottature con sfregi bianchi”.

E mentre gli agricoltori attuano irrigazioni di soccorso, in controtendenza balzano i prezzi al consumo della frutta fresca che fanno segnare un aumento dell’8%. Crollano invece quelli pagati agli agricoltori con quotazioni che non coprono neppure i costi di produzione.

È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sui dati Istat relativi all’inflazione a luglio che registra una spinta al rialzo dei prezzi dell’1,4% per gli alimentari, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, mentre l’andamento generale su base annua vede il Paese in deflazione (-0,4%), con una situazione che non si verificava dal giugno 2016.

Nel carrello della spesa si rilevano aumenti anche per il pesce surgelato (+3,5%), pasta (+3,2%), zucchero (+2,7%), uova (+2,4%), carni (+2,4%), formaggi (+1,5%) e latte fresco (+1%), legati agli sconvolgimenti della domanda di un mercato che non riesce ancora a tornare alla normalità pre-Covid.

“Un contesto che ha favorito le speculazioni al ribasso nei campi e nelle stalle con il paradosso che mentre i prezzi al consumo aumentano quelli pagati agli agricoltori e agli allevatori crollano – ha aggiunto il direttore di Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo - Occorre dunque evitare che i comportamenti scorretti di pochi compromettano il lavoro della maggioranza degli operatori della filiera”.

Una situazione in cui quasi 4 aziende agricole su 10 (37%) secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’ hanno registrato un deciso calo dell’attività a causa degli effetti della pandemia.

“In un momento difficile per l’economia e l’occupazione nazionale il consiglio della Coldiretti è di acquistare prodotto italiano e sostenere la campagna #mangiaitaliano, verificando sempre, laddove possibile, l’origine nazionale in etichetta”.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il caso

Medico positivo va al lavoro? Ospedale
in subbuglio

11 Settembre 2020 ore 16:16
.