Venerdì 07 Agosto 2020

Ovada

Torna in edicola "Ori", il magazine che racconta le storie del Monferrato

La rivista, nata lo scorso anno, sarà in edicola giovedì 30 luglio con “l’ovadese” e “il novese”, il giorno successivo con “Il Piccolo”

Torna in edicola "Ori", il magazine che racconta le storie del Monferrato

OVADA - Un territorio che vuole essere protagonista con le sue bellezze e le sue storie dando forza a una rinnovata ambizione. Racconta questo “Ori”, il nuovo magazine realizzato in collaborazione da Enoteca Regionale di Ovada e testate del Gruppo Soged. La rivista, nata lo scorso anno, sarà in edicola giovedì 30 luglio con i settimanali “l’ovadese” e “il novese”, il giorno successivo con “Il Piccolo”.

«Abbiamo deciso di concentrarci su due aspetti - spiega il presidente dell’Enoteca, Mario Arosio - il patrimonio immateriale e il saper fare. Il primo è rappresentato da natura, architettura e bellezze in genere. Il secondo riguarda i tanti artigiani d’eccellenza che arricchiscono la nostra zona». Chiaro il messaggio, in continuità con quanto già emerso nel primo numero: venite a trovarci, l’Ovadese vuole farsi scoprire e ha tanto da offrirvi». «Con questo magazine - spiega Marco Lanza, assessore alle Attività Produttive del Comune di Ovada - puntiamo a valorizzare aspetti naturalistici, tradizioni, artigianato. Elementi che costituiscono la nostra identità e ci rendono riconoscibili agli occhi dei visitatori».

La rivista si pone come il naturale supplemento cartaceo di quanto è stato raccolto per la creazione di “VisitOvada”, il nuovo sito dell’ufficio turistico del territorio. E per questo punta ad allargare la sua zona di influenza a tutto il Monferrato. Per raccontarlo al meglio personaggi che vi sono cresciuti, conservandovi le loro radici e chi ci si è avvicinato più di recente, tra lavoro e diletto. Ogni paese ha il suo spazio. Tasselli singoli di un mosaico ampio e ricco che acquista forza attraverso la visione di insieme.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Polstrada

La lunga coda sull'A26? Un camionista addormentato!

05 Agosto 2020 ore 09:01
.