Venerdì 07 Agosto 2020

Ovada

Rebba: dietro ai capannoni una discarica a cielo aperto

Rilevati centinaia di rifiuti e oggetti ingombranti abbandonati a ridosso della ferrovia

Rebba: dietro ai capannoni una discarica a cielo aperto

OVADA - Da un lato, nella parte anteriore, praticamente limitrofa al tratto della provinciale 456 "del Turchino" che da Ovada conduce verso Molare e Acqui Terme, ci sono i capannoni. Dall'altro, a pochi metri dalla strada interna che attraversa i magazzini e le attività produttive presenti in zona, passa la ferrovia. In mezzo, fra alcune piante più o meno curate ed erbacce incolte, sorge una vera e propria discarica a cielo aperto. Pochi metri in cui, da mesi, sono presenti oggetti abbandonati di ogni tipo, dalle cartacce ai residui organici, fino ai seggiolini per bambini e a diversi oggetti ingombranti in plastica e ferro.

L'area in questione si trova all'interno della zona industriale Rebba, nella spazio dove sono stati costruiti i siti commerciali e industriali più recenti. Al netto del passaggio dei dipendenti delle aziende presenti in loco, dei clienti e di qualche mezzo pesante, il perimetro in questione - per di più nascosto dalle piante, a ridosso di una piazzola - resta di fatto nascosto alla vista delle persone. Gli abbandoni, in quella porzione di terreno, si moltiplicano. Qualche giorno fa, a pochi metri di distanza, è stato rinvenuto un televisore e, nelle scorse settimane, anche alcuni elettrodomestici di grandi dimensioni, successivamente trasferiti in discarica. Il tutto a conferma di un malcostume "di vecchia data" sempre più diffuso anche nella zona dell'Ovadese. 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Polstrada

La lunga coda sull'A26? Un camionista addormentato!

05 Agosto 2020 ore 09:01
.