Lunedì 06 Aprile 2020

Ovada

Gian Piero Alloisio: il "popular chic" che racconta l'Olocausto

In “Non maledire questo nostro tempo” il cantautore ovadese affronta il tema della Shoah

Gian Piero Alloisio: il "popular chic" che racconta l'Olocausto

Gian Piero Alloisio (credito fotografico: Emilio Scappini)

OVADA - Da quindici anni Gian Piero Alloisio (credito fotografico: Emilio Scappini) con il suo “Festival Pop della Resistenza” racconta storie legate alla guerra di liberazione, prova a  preservarne la memoria. Lo spettacolo “Non maledire questo nostro tempo” presentato domenica pomeriggio a Tagliolo Monferrato per la prima volta affronta il tema della Shoah. L’elemento di fondo è quello che ha caratterizzato l’artista ovadese negli anni: il teatro canzone.

«Dopo le vicende che hanno coinvolto Liliana Segre - racconta Alloisio - ho sentito il dovere di raccontare l'Olocausto». Fondamentale l’incontro con Gilberto Salmoni, presidente Associazione Nazionale Ex Deportati nei Campi Nazisti. Salmoni, a 16 anni, fu internato prima a Fossoli, poi a Buchenwald insieme al fratello maggiore. La madre, il padre e la sorella scomparvero ad Auschwitz. «Per me - spiega Alloisio - è indispensabile conoscere le persone di cui parlo. In questi anni ho trasmesso al pubblico la lotta partigiana attraverso le esperienze dirette dei miei famigliari e dei partigiani che ho incontrato. Di Salmoni mi ha colpito l’aspetto giovanile a dispetto dei 90 anni, la sua lucidità e l’autoironia con la quale ha saputo raccontarmi anche i momenti più duri. Un vero esempio di umorismo ebraico».

«Mostrare le persone significa annullare la distanza che i ragazzi sentono dai fatti storici». Alloisio propone brani come “Povera patria”, “Auschwitz”. La canzone che dà il titolo allo spettacolo è dei Gufi. «Fa capire che non stiamo male come pensiamo di stare e che diamo per scontate libertà e democrazia». Alloisio l’11 febbraio sarà ad Acqui Terme con le scuole superiori. «Devono fare i conti anche con i social che propongono linguaggi sbagliati e ingrandiscono i problemi». Parole che sembrano venire da chi di questi tempi sarebbe etichettato come “radical chic”. «Un po’ lo sono - ride Alloisio - Anzi no: sono “popular chic”. Credo che questa definizione mi calzi a pennello».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Spinetta Marengo

Malore improvviso,
muore 49enne

30 Marzo 2020 ore 14:05
serravalle scrivia

Sorpreso a girare in auto: non aveva nemmeno la patente

29 Marzo 2020 ore 16:00
Lavoro

Le offerte di lavoro del Centro per l'Impiego

30 Marzo 2020 ore 15:32
.