Lunedì 18 Novembre 2019

Ovada

Il piacentino Omati vince il primo ''GP Boccaccio''

Successo del portacolori del team V.C. Pontenure 1957 - F. Zeppi, giunto in solitaria dopo esser scattato ai due chilometri dall'arrivo

Ciclismo Ovada

I giovani protagonisti della gara sul podio

OVADA - E' andata al piacentino Filippo Omati la prima edizione del «Gp Padre Tarcisio Boccaccio», la competizione tornata in calendario dopo 10 anni di stop grazie alla collaborazione fra il Pedale Acquese ed il team Cicli Guizzardi di Ovada. A distanza di due lustri dal successo di Aldo Ghiron, vincitore nel 2009 della gara – allora valida per la categoria Juniores – con indosso la maglia del Pedale Chierese, la società termale, grazie al supporto degli sportivi locali guidati da Beppe Boccaccio, è riuscita a riproporre questo importante appuntamento ciclistico. Trentuno chilometri – percorsi in 52 minuti – con partenza e arrivo da Grillano, dopo essere transitati da Rocca Grimalda, Capriata e Predosa, con la salita finale che ha fatto la differenza come nel 2007, quando ad imporsi fu Mattia Cattaneo, oggi professionista con il team Androni Giocattoli.

Diversi gli atleti che hanno cerchiato in rosso la data di domenica scorsa, visto che sono stati assegnati i titoli provinciali degli esordienti, 1° e 2° anno e delle donne allieve. Detto del successo dell'emiliano, portacolori del team V.C. Pontenure 1957 - F. Zeppi, giunto in solitaria dopo esser scattato ai due chilometri dall'arrivo, meritano una menzione anche Alessandro Perracchione (Young Bikers team Balmamion) e Simone Mensa (Ardens Cycling Team), che hanno regolato il gruppo degli inseguitori e completato il podio dell'assoluta. Ai giovani Manuel D’Urso (Esordienti 1° anno), Matteo Agresta (2° anno) e a Linda Cappellato (Allieva) vanno invece i rispettivi titoli provinciali assegnati annualmente dalla Federciclismo.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Tempo reale

"Vincenti ha confessato". Parole poi confermate al Gip

09 Novembre 2019 ore 09:29
Tempo reale

Tragedia di Quargnento:
la svolta, nella notte il fermo

08 Novembre 2019 ore 22:29
Tempo reale

L’Italia dice addio
e ringrazia Marco, Nino e Matteo

08 Novembre 2019 ore 08:00
.