Giovedì 19 Settembre 2019

Saamo: consiglio comunale per il piano di ristrutturazione

Al vaglio il documento redatto per rispondere alla grave crisi in cui si dibatte l'azienda di trasporto e per consentire ai comuni di ripianare le perdite accumulate

Saamo: consiglio comunale per il piano di ristrutturazione
 OVADA - Si discuterà mercoledì 15 maggio, all'interno di un Consiglio comunale convocato espressamente per affrontare il problema, il piano di ristrutturazione destinato a determinare il destino prossimo venturo di Saamo, l'azienda del trasporto pubblico dei comuni che negli ultimi anni ha accumulato forti perdite. La presenza di un documento di questo tipo era il presupposto fondamentale per permettere ai comuni dell'Ovadese, soci dell'azienda, di intervenire a ripianare il rosso in bilancio. “Contiene tanti punti – ha dichiarato di recente l'amministratore unico Gianpiero Sciutto a proposito del piano elaborato dalla genovese Malerba & Partners -: la possibile vendita della vecchia sede della Rebba, il riscatto delle quote Econet, il riassetto del servizio e del personale. Sangue e sudore, ma pure investimenti. Se avrò l’ok dei sindaci, ci confronteremo su tutto coi sindacati. Purtroppo, oggi Saamo è in grave crisi, abbiamo chiuso il 2018 a meno 240 mila euro”. “Non faremo altro che applicare i dettami della legge Madia sulle partecipate – dice il sindaco di Ovada, Paolo Lantero - che prevede il ripianamento dei debiti da parte dei soci, ossia i Comuni, per le aziende sottoposte a un piano di ristrutturazione”. La cifra si aggira attorno a 500 mila euro che sarebbero ripartitI tra i sedici comuni del territorio più Rivalta Bormida e Prasco. La percentuale più ampia è quella che spetta al comune di Ovada con il 36.59%, poco più di 180 mila euro).

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Cremolino

Chef Juri Risso torna a "La prova del cuoco"

10 Settembre 2019 ore 05:37
Ovada

Borgo: torna il Mercatino di Forte dei Marmi

12 Settembre 2019 ore 03:00
Predosa

Tir a fuoco
nella notte  
sull'A26

18 Settembre 2019 ore 07:50
.