Lunedì 15 Luglio 2019

Accusata di doping in una corsa amatoriale, condannata a tre mesi

Si è conclusa con una condanna la lunga vicenda giudiziaria che ha visto imputata una ciclista residente a Carpeneto. Aveva disputato nel 2011 una gara ad Albenga ed era risultata positiva al controllo antidoping, fatto però in due tempi

Accusata di doping in una corsa amatoriale, condannata a tre mesi
CRONACA – La gara era stata disputata ad Albenga nel settembre 2011 ma solo in questi giorni il tribunale di Alessandria si è espresso con una sentenza di condanna a carico di L.C, residente a Carpeneto, per doping.
E' la prima sentenza emessa ad Alessandria sull'utilizzo di sostanze dopanti nello sport.

La atleta, dopo aver gareggiato sulle due ruote, era stata sottoposta al controllo di rito. Ma non era riuscita a riempire l'intera provetta di urina. Dopo avere atteso diverse ore nello spogliatoio, il medico incaricato di eseguire i controlli aveva acconsentito ad accompagnarla a casa, per completare il campione. Un viaggio di circa un ora, da Albenga a Carpeneto.

Le analisi si rivelarono positive, ma la difesa della ciclista contestava, quanto meno, il metodo di raccolta del campione, avvenuto in due tempi e a distanza di ore.
Il giudice ha tuttavia accolto la tesi dell'accusa, sostenuta dal pubblico ministero Luca Regalzi, condannando l'atleta a tre mesi e una ammenda di 3 mila euro.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Ovada

Guido: un simbolo di Ovada se ne va

10 Luglio 2019 ore 08:57
Maltempo

VIDEO - Grandine sull'A26

09 Luglio 2019 ore 15:40
Ovada

Infermiera e studente: maturità con 100

06 Luglio 2019 ore 05:12
.