Lunedì 09 Dicembre 2019

Undici cellulari spariti all'Asl e poi rivenduti su internet

E' stata denunciata una 55enne donna delle pulizie dei locali dell'Azienda Sanitaria. Per i carabinieri in due occasioni diverse a distanza di mesi, avrebbe rubato dei telefonini ancora nelle confezioni

Undici cellulari spariti all'Asl e poi rivenduti su internet
MOLARE - A settembre dagli uffici dell'ASL cittadina erano spariti ben undici cellulari ancora sigillati, destinati al personale di servizio. Lo stesso tipo di furto di telefonini all'interno dell'Azienda Sanitaria era già stato registrato nel 2017, per cui i carabinieri hanno avuto più di un sospetto che dietro ai due furti identici ci fosse la stessa persona. 

Le indagini si sono rivolte alle persone che in qualche modo hanno accesso a quelle stanze e che potessero sapere della presenza dei telefoni. 

Gli investigatori hanno poi scoperto che i dispositivi mobili venivano messi in vendita su internet: tre di questi sono stati recuperati dagli acquirenti della provincia di Alessandria, i quali sono stati denunciati per ricettazione nonostante avessero dichiarato di ignorarne la provenienza illecita.

Non è stato difficile risalire alla stessa venditrice: i Carabinieri di Ovada e Molare, nel corso di due diverse attività investigative, hanno così deferito in stato di libertà S.P., 55enne molarese che si occupava dei servizi di pulizie dell'Asl per conto di una cooperativa. Sono in corso accertamenti per recuperare gli altri cellulari spariti.

 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lo speciale

Il docufilm sulla tragedia
di Quargnento

05 Dicembre 2019 ore 02:00
Capriata d'Orba

Svolta per il ripristino della Ovada - Novi

29 Novembre 2019 ore 07:50
L'analisi

Mercato
delle seconde case:
il Monferrato piace

05 Dicembre 2019 ore 16:11
.