Domenica 18 Agosto 2019

Giro di vite contro le deiezione canine

L'ordinanza è in vigore già da tempo, ma di multe - l'importo va dai 50 ai 500 euro - nei confronti dei proprietari dei cani che non raccolgono i bisogni dei propri amici a 4 zampe, non se ne registrano molte. Ora, dal Comune, si punta a scoraggiare chi non rispetta le regole

Giro di vite contro le deiezione canine

OVADA - Maggiori controlli e regole più stringenti. In realtà l'ordinanza è in vigore già da tempo. Ma di multe - l'importo va dai 50 ai 500 euro - nei confronti dei proprietari dei cani che non raccolgono i bisogni dei propri amici a 4 zampe, non se ne registrano molte. E così, dal Comune di Ovada, si è deciso di attuare un giro di vite atto a scoraggiare chi non rispetta le regole. “Abbiamo deciso di dire basta – ha dichiarato l'assessore ai Lavori Pubblici, Sergio Capello, durante la seduta dell'ultimo Consiglio Comunale –. Non è nostra intenzione sanzionare la gente. Ma questo comportamento è inaccettabile. Saranno i vigili a occuparsene, anche in borghese per non essere riconosciuti”. 

Già in passato era stato annunciato un provvedimento di questo tipo che però si è rivelato poco efficace anche perché l’orario della “passeggiatina del mattino” e quelli della Polizia Municipale spesso non collimano. “Di sicuro – prosegue Capello – porteremo avanti questi controlli nei periodo in cui non è necessario effettuare servizio davanti alle scuole. Ma vedremo di estenderlo, se necessario”. In città l’argomento ha creato due fazioni vere e proprie: c’è chi punta il dito contro i danni che quest’abitudine produce all’aspetto della città e chi invece, come i proprietari di animali, tende a minimizzare. Gli angoli del centro storico sembrano quelli più presi di mira. In molti casi a farne le spese sono i proprietari dei negozi, costretti a ripulire davanti alle loro vetrine. 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Ovada

Diga di Molare:
una ferita per tutto l'Ovadese

13 Agosto 2019 ore 09:37
.