Lunedì 01 Giugno 2020

Ovada

Produttore rocchese guarito dal Covid: «Non sottovalutate la febbre alta»

La testimonianza di Sebastiano Iapichello

Produttore rocchese guarito dal Covid: «Non sottovalutate la febbre alta»

ROCCA GRIMALDA - Ora che il peggio è passato vuole raccontare la sua storia perché possa essere un monito per chi dovesse trovarsi nella stessa situazione. Un lieto fine di cui abbiamo bisogno tutti; al tempo stesso una conferma di come il progetto “Covi a casa” avviato nel distretto di Ovada e Acqui per la cura domiciliare dei pazienti colpiti dal coronavirus può essere una strada da seguire. «Non sottovalutate i sintomi» avverte Sebastiano Iapichello.

La sua vita a Rocca Grimalda fino all’inizio di marzo si divideva tra il lavoro all’interno dell’azienda agricola (frutta e succhi) e l’impegno amministrativo come consigliere comunale. Lo scenario è poi cambiato repentinamente. «Tutto è iniziato con poche linee - sottolinea Iapichello -, una cosa alla quale in tempi normali nessuno avrebbe dato importanza. Ed infatti non me ne sono troppo curato. Eravamo all’inizio di marzo». L'articolo completo è disponibile sul numero de "l'ovadese" in uscita oggi, giovedì 16 aprile. 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

L'editoriale

I medici e gli infermieri costretti
al silenzio

29 Maggio 2020 ore 08:24
.