Martedì 07 Aprile 2020

Ovada

Mascherine artigianali: quattro ovadesi al lavoro fra amicizia e volontariato

Da ieri sono al lavoro presso il laboratorio della Pellicceria Scorza di Madonna della Villa

Mascherine artigianali: quattro ovadesi al lavoro fra amicizia e volontariato

OVADA - AGGIORNAMENTO VENERDI' 27 MARZO - Le prime forniture di camici, confezionati da Laura Ighina e tagliati da Marcella Rossi e Cristina Zappavigna, chiusi con i calzari offerti da Carlo Guarneri, sono già state inviate a medici e infermieri. Pienamente operativo il laboratorio allestito a Carpeneto negli spazi della pellicceria Scorza e coordinato da Pupa di Salvo. "Ci servono filo per macchina da cucire - spiega - elastico da merceria e dacron. Il punto di raccolta ovadese è stato allestito presso la Parafarmacia Parodi di corso Martiri della Libertà". Per comunicazioni: 345.18.22.704.

Da un'iniziativa casalinga nata qualche giorno fa a una vera e propria catena di montaggio per produrre non solo mascherine a uso civile ma anche camici monouso e copriscarpe artigianali. A muoversi per prima è stata Pupa di Salvo, nei mesi scorsi già protagonista con la sua manualità della campagna di sensibilizzazione portata avanti da associazione Vela e Fondazione Cigno. Con lei è nato un piccolo laboratorio. 

«Siamo in quattro – spiega Pupa di Salvo – con me ci sono Laura Ighina, Marcella Rossi e Cristina Zappavigna. Le mascherine ad uso civile sono fatte di tessuto non tessuto. Abbiamo fatto ricerche prima di iniziare. Il materiale ci viene fornito gratuitamente». Anche la sede di lavoro è messa a disposizione dal territorio. Si tratta del laboratorio della Pellicceria Scorza di Madonna della Villa.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Spinetta Marengo

Malore improvviso,
muore 49enne

30 Marzo 2020 ore 14:05
serravalle scrivia

Sorpreso a girare in auto: non aveva nemmeno la patente

29 Marzo 2020 ore 16:00
Lavoro

Le offerte di lavoro
del Centro per l'Impiego

30 Marzo 2020 ore 15:32
.