Giovedì 02 Aprile 2020

Ovada

La "Rebora" a Washington per il musical ispirato alla storia di Elvis Presley

Otto giovani strumentisti ovadesi ospiti nella prestigiosa realtà della Connelly School

La "Rebora" a Washington per il musical ispirato alla storia di Elvis Presley

OVADA - Un’immersione piena in una realtà che sembra quella di un teatro professionale a tutti gli effetti. L’occasione per mettere a frutto gli studi effettuati fino a questo momento e partecipare alla produzione di un musical di alto livello. L’avventura dei giovani studenti ovadesi della scuola di musica “A. Rebora” si è sviluppata tra la fine del mese di febbraio e l’inizio di marzo a Bethesda, poco lontano da Wasington D.C., dove ha sede la Connelly School of the Holy Child, realtà in cui l’arte e la rappresentazione hanno un ruolo centrale nella crescita degli allievi.

Lo scambio culturale, che vale anche come alternanza scuola - lavoro, ha coinvolto le flautiste Matilde Piana e Alice Pizzorno, il pianista Filippo Gorini, il sassofonista Edoardo Gaggero. Poi Beatrice Orione, clarinetto basso, e Francesco Luciani, clarinetto. Ad accompagnarli sono state le insegnanti Giulia Cacciavillani (flauto) e Irene Viglietti (pianoforte). «Il Teatro della scuola in cui abbiamo provato e ci siamo esibiti - spiegano le docenti - era molto grande e organizzato alla perfezione con strumentazioni all'avanguardia. I nostri ragazzi hanno fatto letteralmente una full immersion provando fino alle 10 di sera ed è stata richiesta loro una grande flessibilità e autonomia». “Bye Bye Birdie”, il musical messo in scena, risente dell’atmosfera americana a cavallo tra la fine degli anni ‘50 e l’inizio della decade successiva ed è ispirato alla vicenda della chiamata alle armi del re del rock and roll Elvis Presley. Il ruolo centrale è quello di Conrad Birdie (il nome è un gioco di parole per Conway Twitty, un artista che andava per la maggiore in quegli anni). Fu lo stesso Presley a rifiutare l’ingaggio per la prima rappresentazione. I ragazzi ovadesi hanno fatto parte della squadra di musicisti. «La musica - prosegue Cacciavillani - era a servizio dello spettacolo, i ritmi erano molto veloci e l'orchestra doveva stare dietro in modo rapido ad ogni cambio di scena».

«Con i nostri coetanei - spiega Matilde Piana che rappresenta il gruppo intero - abbiamo subito stabilito un rapporto di amicizia e complicità». Le produzioni di musical delle scuole americane nelle fasce alte sono dei veri e propri show in cui il livello artistico è molto alto. Anche al di fuori della scuola l’impatto è stato positivo. «Siamo stati ospitati in famiglia - conclude Piana - e abbiamo trovato un accoglienza calorosa e coinvolgente, i genitori dei ragazzi del Connelly ci hanno accolto come membri della famiglia». 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Spinetta Marengo

Malore improvviso,
muore 49enne

30 Marzo 2020 ore 14:05
serravalle scrivia

Sorpreso a girare in auto: non aveva nemmeno la patente

29 Marzo 2020 ore 16:00
.