Giovedì 02 Aprile 2020

Ovada

Suolo pubblico: cambia la tassa, agevolazioni in tre aree

Il provvedimento è stato approvato in consiglio comunale. Contraria "Ovada Viva"

Via Cairoli Ovada

Uno scorcio di via Cairoli nel centro storico

OVADA - Cambiano le regole per le agevolazioni sulla tassa per l’occupazione del suolo pubblico sui ponteggi che decide di valorizzare la facciata del proprio condominio o abitazione. L’incentivo, da anni inteso per stimolare le operazioni di recupero architettonico sarà esteso a gran parte dell territorio del comune. Il provvedimento è stato approvato in consiglio comunale. Come messo per iscritto sull’apposita delibera, la riduzione sarà al 20%, la durata di tre mesi. «Da una statistica - ha spiegato il sindaco Paolo Lantero - costruita negli ultimi anni, abbiamo verificato che un periodo maggiore tende ad allungare i tempi di avanzamento del cantiere stesso. Per questo pensiamo che tre mesi siano una finestra ragionevole. Il 20% si combina con la detraibilità delle spese assicurata dal bonus facciate 2020. Fatti i conti, questa è la soluzione migliore per salvaguardare le risorse dei cittadini».

Non dello stesso avviso il gruppo consigliare “Ovada viva”. «Avevamo chiesto - è intervenuto il capogruppo, Pier Sandro Cassulo - una riduzione del 100% proprio per incentivare il recupero delle facciate. Direi che lo spirito non è stato compreso a pieno». Il gruppo di minoranza ha espresso voto negativo. La richiesta avanza in commissione dal consigliere Fabio Forno di esentare aree in cui sia già presente un cantiere non è stata accolta. «L’avevamo pensata - ha proseguito Cassulo - per piazza Garibaldi e per lanciare ai cittadini un certo tipo di messaggio». Nel provvedimento saranno individuate tre aree: il centro storico, dove l’agevolazione è sempre stata applicata, la corona e la periferia.

«La nostra intenzione - ha affermato il capogruppo di “Insieme per Ovada", Mario Lottero, nel corso della dichiarazione di voto -portare avanti una politica coraggiosa da questo punto di vista. Abbiamo fatto un calcolo. Su un totale di 1.339 euro di lavori, combinando l’agevolazione comunale e la detraibilità del bonus, nel centro storico, la spesa si ridurrebbe a 107 euro complessivi». Di un incremento del numero dei lavori sul territorio cittadino beneficerebbe il settore dell’edilizia, il più colpito negli ultimi dieci anni dalla crisi economica.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Spinetta Marengo

Malore improvviso,
muore 49enne

30 Marzo 2020 ore 14:05
serravalle scrivia

Sorpreso a girare in auto: non aveva nemmeno la patente

29 Marzo 2020 ore 16:00
.