Giovedì 12 Dicembre 2019

Ovada

Vitello tonnato: gusto moderno, tradizione antica

In vista del Natale un piatto tipico della cucina monferrina proposto in due versioni: quella attuale e quella ripresa dei ricettari passati 

Vitello tonnato

L'antica ricetta dal vitello tonnato riproposta oggi

OVADA - La cucina Monferrina. Espressione di radicamento ai prodotti di un territorio con un’identità molto particolare, testimonianza della posizione di passaggio, e quindi del contatto che le nostre aree storicamente hanno avuto con le rotte del commercio tra la Catalogna, la Provenza, le Alpi e le corti del Monferrato, la Liguria e il suo mare. La nostra cultura gastronomica è il frutto di tante influenze che nel tempo sono diventate un patrimonio unico. A Natale ogni famiglia dà spazio al ricettario di casa, ai gusti e profumi ereditati da genitori e nonni.

Tradizione e novità
Due elementi che possono coesistere, a torto si definiscono in contrasto l’uno con l’altro. Due visioni che generano discussioni tra cultori del cibo, esperti e semplici golosi. Per questo abbiamo scelto di partire dal ricettario classico, individuare piatti che da sempre fanno parte del menù natalizio degli ovadesi per giocare tra passato e futuro della cucina. Iniziamo dal classico antipasto.

Il vitello tonnato
Nella tradizione ovadese l’allevamento degli animali non è mai stato un aspetto preponderante. Ciò non toglie che il vitello fosse elemento della nostra cucina. La ricetta è tra quelle più consolidate. In realtà è derivazione di una preparazione che affonda le radici in un’epoca passata. Chef Davide La Mattina la propone per Wine&Kitchen, il ristorante dell’Enoteca di Ovada. «La versione tradizionale - racconta - prevede per quattro persone 600 grammi di girello di vitello, 150 grammi di tonno sgocciolato, una manciata di capperi sotto sale, 300 grammi di olio di semi, uno uomo e un tuorlo. Per la preparazione portare il girello a ebollizione per 45 minuti. Temperatura al cuore 60/65 gradi Mettere i capperi sciacquati in un recipiente, aggiungere il tonno, due alici. Aggiungere il tuorlo, il succo filtrato di un limone, versare l’olio a filo mentre si frulla il tutto. Lasciar raffreddare la carne, affettare e servire con abbondante salsa e guarnire con i capperi.

Versione alternativa
Dalle pagine ingiallite di un ricettario del passato spunta però, come detto, un’altra interpretazione. «Ci sono delle varianti - prosegue La Mattina - Tra gli ingredienti compaiono due uova sode e sono previsti anche due bicchieri di vino bianco. Sono necessari solo 100 grammi di tonno sott’olio e cucchiai di olio extra vergine d’oliva. Si parte stufando delle verdure, carote, sedano, una cipolla gialla. Aggiungere il rotondino e rosolare su tutti lati per sigillare i succhi all’interno. Sfumare con il vino bianco e cuocere per circa 45 min, temperatura al cuore 56°. Per preparare la salsa è necessario scolare le verdure dal fondo, aggiungere le uova sode, capperi acciughe, tonno e amalgamare con il mixer da immersione. A preparazione ultimata bisogna lasciar raffreddare la carne che poi dev’essere servita utilizzado i fiori di cappero come guarnizione. Al giudizio del palato di ognuno di noi valutare se la versione che tutti noi conosciamo produce un risultato migliore di quella più antica.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Alessandria

Scomparsi da 5 giorni,
il ritorno a casa

02 Dicembre 2019 ore 23:17
Lo speciale

Il docufilm sulla tragedia
di Quargnento

05 Dicembre 2019 ore 02:00
La storia

Tabaccaio aggredito reagisce
col bastone: denunciato

06 Dicembre 2019 ore 11:19
.