Mercoledì 12 Agosto 2020

Ovada

«Per chi lavora a Genova isolamento drammatico»

Alessandra Rapetti è una dei tanti pendolari che stanno pagando un prezzo altissimo ai problemi dei treni e dell'A26

Pendolari Alessandra Rapetti

Alessandra Rapetti in un'assemblea pubblica dei pendolari

OVADA - «Abito di fronte alla stazione. Quando vedo arrivare un treno mi fiondo». Non è una che si perde d'animo Alessandra Rapetti. Da membro del direttivo del comitato dei pendolari quando il crollo del ponte Morandi ha avuto ripercussioni pesanti anche sulla Acqui – Genova ha creato il gruppo Facebook “Ovada - Genova... strada facendo” per tenere in contatto persone dell'Ovadese che lavorano nel capoluogo ligure e possono scambiarsi passaggi in macchina. Con la parziale chiusura dell'A26 dell'altro giorno la situazione è diventate quasi insostenibile. «Martedì – racconta Rapetti che nella vita è infermiera professionale al San Martino – sono tornata passando dalla A7. Per fortuna la mia azienda ha aperto una foresteria. Ma la situazione degli ovadesi che viaggiano per lavoro è veramente drammatica». L'isolamento dei basso Piemonte e Valle Stura è aggravato anche dall'assoluta mancanza di informazioni sui treni. «Navighiamo a vista – prosegue Rapetti – e da quando è stata chiusa la stazione di Ovada è diventato peggio. L'unica arma che abbiamo è lo scambio tra di noi. Quando abbiamo notizie sicure da diffondere».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Polstrada

La lunga coda sull'A26? Un camionista addormentato!

05 Agosto 2020 ore 09:01
.