Mercoledì 18 Settembre 2019

parodi ligure

Cartone e ferro, Boggeri e Ivaldi espongono all'abbazia di San Remigio

I materiali delle opere dell'artista serravallese Vito Boggeri e dell'acquese Carlo Ivaldi

Cartone e ferro, Boggeri e Ivaldi espongono all'abbazia di San Remigio

Vito Boggeri

PARODI LIGURE — Cartone e ferro, i materiali delle opere del serravallese Vito Boggeri e dell’acquese Carlo Ivaldi che dialogheranno fra loro e con la caratteristica cornice dell’ex abbazia di San Remigio a Parodi Ligure. “Cartone e ferro” è appunto il titolo della mostra di quadri e sculture che sarà inaugurata oggi, sabato 7 settembre alle 17. Promossa dal Comune di Parodi Ligure e dal Movimento di Resilienza Italiana nell’ambito di Attraverso Festival, con la collaborazione di Libarna Arteventi, Oltregiogo e la proloco di Parodi, la mostra di arte contemporanea curata da Kevin McManus rimarrà aperta fino al 29 settembre (apertura il sabato e la domenica dalle 15.30 alle 19.00).

Questa volta sono i materiali utilizzati a dare il titolo alla mostra, quasi a voler sottolineare l’importanza del riciclo e dell’ecosostenibilità anche nell’arte, come il cartone di recupero, che prende nuova vita con i dipinti di Boggeri, il ferro forgiato e lavorato secondo la maestria degli artigiani di un tempo per le opere di Carlo Ivaldi.

Vito Boggeri, serravallese che oggi vive tra Sanremo e Roncoli, un piccolo borgo medievale della val Borbera dove ha stabilito la propria residenza artistica, ha iniziato la sua attività giovanissimo da autodidatta, e già alla fine degli anni cinquanta esponeva alla “Promotrice alle Belle Arti” di Torino. Tra i decani degli artisti in provincia di Alessandria, da sempre con lo sguardo rivolto al futuro, Boggeri è stato un precursore dei tempi, con l’arte comportamentale, di cui è stato uno dei massimi esponenti italiani, negli anni settanta ha varcato i confini nazionali raggiungendo New York.

Carlo Ivaldi, classe 1972, vive e lavora a Ponzone nell’acquese, dopo gli studi all’Istituto d’Arte di Acqui Terme e all’Accademia Ligustica di Genova ha intrapreso il suo percorso espositivo partecipando a numerose mostre ottenendo importanti riconoscimenti dalla critica e premi, come nel 2001 con la borsa di studio “The Liguria Study Center for Arts and Humanities” nella residenza italiana di Bogliasco.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Alessandria

Muore a 18 anni: dona cuore,
fegato e reni

14 Settembre 2019 ore 20:00
Spinetta

Bellavita: bimbo bloccato da bocchettone della piscina

10 Settembre 2019 ore 08:49
.