Martedì 14 Luglio 2020

Ovada

Camilleri: il romanzo in cui si parla di un molarese

Protagonista de "Le pecore e il pastore", del 2007, è il cosiddetto "vescovo dei contadini"

Andrea Camilleri

Andrea Camilleri, scomparso pochi giorni fa

OVADA - C'è una legame tra il grande scrittore Andrea Camilleri, scomparso nella giornata di ieri, e il territorio dell'Ovadese? La risposta sta in un piccolo volume pubblicato dal padre di Montalbano nel 2007. Al centro delle vicende de “Le pecore e il pastore”, edito da Sellerio c'è il padre passionista Giovanni Battista Peruzzo, all’epoca dei fatti narrati vescovo di Agrigento. A ricordarlo è Paolo Bavazzano, attuale presidente dell'Accademia Urbense che dedicò al volume una recensione su “Urbs”, la rivista ufficiale dell'ente culturale. «Il libro – racconta Bavazzano - ha al centro della narrazione un fatto accaduto nel 1946, quando il vescovo Peruzzo fu oggetto di un agguato mafioso a colpi di lupara che lo ridusse in fin di vita. In quell’occasione ben dieci giovani suore di un convento di clausura, in cambio della sua guarigione offrirono la propria vita a Dio. Il loro voto venne esaudito e il presule riacquistò la salute, mentre le suore, mantenendo fede al proprio voto, si lasciarono morire di fame e di sete». Il libro ruota attorno alla figura di quello che fu considerato il vescovo dei contadini.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

La foto

Dorme, con la gamba ingessata,
sulla panchina

08 Luglio 2020 ore 16:22
Serravalle Scrivia

Violenza
e sequestro di persona, arrestato 45enne

04 Luglio 2020 ore 09:15
.